Artista

JACULA / INVISIBLE FORCE /DIETRO NOI DESERTO / ANTONIUS REX

JACULA
Antonio Bartoccetti (chitarra, voce)
Fiamma Dallo Spirito (voce, violino, flauto)
Charles Tiring (tastiere)

 

INVISIBLE FORCE
Antonio Bartoccetti (chitarra, voce)
Elisabeth d'Esperance (voce)
Charles Tiring (tastiere)
Peter McDonald (basso, batteria)

 

DIETRO NOI DESERTO
Luciano Iura (voce, organo)
Luciano Quaggia (chitarra)
Antonio Bartoccetti (basso)
Mauro Baldassari (batteria)

 

ANTONIUS REX
1974-77:
Antonio Bartoccetti (chitarra, voce)
Doris Norton (tastiere, voce)
Albert Goodman (batteria)

1978:
Antonio Bartoccetti (chitarra, voce)
Doris Norton (tastiere,
voce)
Jean Luc Jabouille (batteria)

Probabilmente la figura più carismatica della scena musicale progressiva italiana, Antonio Bartoccetti (Antonius Rex) cominciò la sua carriera musicale dopo essersi trasferito a Milano dalle Marche, e formando in poco tempo gruppi come Jacula, Dietro Noi Deserto (con un singolo su etichetta Decca nel 1971!), e Invisible Force (un altro singolo nel 1971). Spesso non erano veri gruppi, ma musicisti che lavoravano dietro la figura dominante di Bartoccetti.

Il primo album, del 1969, venne registrato a Londra e stampato in un numero limitato di copie (300 + 10 promozionali) che vennero parzialmente distribuite dal produttore e proprietario dell'etichetta a sette religiose. Un album pieno di atmosfere cupe, basato principalmente su chitarra elettrica e organo da chiesa e senza percussioni, il disco è stato ristampato solo recentemente dalla Black Widow.

Nel 1971 Bartoccetti produsse due singoli con due nomi diversi: Il primo come Invisible Force, con due brani che vennero poi ripresi in Tardo pede in magiam versus e Zora; sul lato B 1999 mundi finis, poi ribattezzata con i nomi di U.F.D.E.M. e Morte al potere, è uno dei classici di questo musicista. Il secondo singolo nello stesso anno comparve sotto il nome di Dietro Noi Deserto, stavolta Bartoccetti era il bassista e compositore di entrambi i brani; questo sembrerebbe l'unico vero gruppo in cui ha militato, e il suono è più vicino al beat psichedelico degli anni '60 che al progressivo.

Il secondo LP, normalmente considerato il suo vero album d'esordio, è Tardo pede in magiam versus, anch'esso realizzato in numero limitato di copie per una piccola etichetta (questa sembra una costante della carriera di Bartoccetti) e con una copertina identica a quella del disco precedente ma a colori mentre l'altra era in bianco e nero.
Il medium Franz Parthenzy viene elencato nella formazione insieme ai tre musicisti Antonio Bartoccetti, Charles Tiring e Fiamma Dallo Spirito (ovvero la genovese Vittoria Lo Turco, già uscita su 45 giri con lo pseudonimo di Fiamma).
Il principale ingrediente dell'album sono lunghe e spettrali parti strumentali d'organo, e la suggestiva U.F.D.E.M. (già sul singolo di Invisible Force) è probabilmente il brano migliore. Le atmosfere cupe abbondano, ed alcuni brani, come Long black magic night con parti parlate (in un inglese non eccezionale) possono essere noiose per molti.

Nel 1974 un nuovo cambio del nome ad Antonius Rex, un album intitolato Neque semper arcum tendit rex e la prima apparizione ufficiale di Doris Norton, da sempre compagna e collaboratrice musicale di Bartoccetti. A detta dell'autore, nonostante un accordo per realizzarlo con la Vertigo, l'etichetta considerò l'album troppo offensivo, per la copertina in bianco e nero che riproduceva una lettera "diabolica" del diciassettesimo secolo e per i testi troppo forti, specialmente in Devil letter. L'uscita dell'album venne allora prevista per l'etichetta Darkness, di proprietà del batterista Albert Goodman, ma il disco non fu mai realizzato ufficialmente.

Così la prima uscita commerciale a nome Antonius Rex è l'album Zora del 1977, per la piccola etichetta milanese Tickle, ancora una volta con una copertina dai contenuti molto forti, tanto da essere sostituita l'anno successivo nella seconda edizione del disco. Zora non è un grande album, nonostante sia molto ricercato dai collezionisti, e contiene alcuni rifacimenti di brani già usciti in Tardo pede in magiam versus (Morte al potere è una nuova versione di U.F.D.E.M.); gli elementi principali sono ancora una volta l'organo, le atmosfere dark, i testi occulti. I quattro brani dell'album sono composti da Bartoccetti insieme agli ex-Raminghi Franco Mussita e Angelo "India" Serighelli, entrambi citati anche nella copertina del disco. La seconda stampa dell'LP conteneva un brano aggiuntivo.

Ralefun è senz'altro il lavoro meno dark degli Anotnius Rex, con uno stile molto più vario ed un suono più ricco grazie all'uso di basso e flauto (suonati da Marco Ratti e Hugo Heredia), ma alcuni di questi esperimenti in stili diversi non sembrano molto ben riusciti.

Personaggi molto misteriosi, gli Jacula/Antonius Rex hanno fatto pochissimi concerti, come Jacula l'unica apparizione live è stata a Milano davanti ad un pubblico selezionato di 45 spettatori, mentre gli Antonius Rex apparentemente fecero un tour nel 1979, ed hanno sempre mantenuto il massimo controllo sulla loro musica, senza i limiti e i condizionamenti delle case discografiche.

Il 2001 ha visto la riedizione due delle più rare produzioni Jacula/Antonius Rex, In cauda semper stat venenum e Anno demoni, entrambe ad opera dell'etichetta indipendente Black Widow. Successivamente una ristampa del primo album di Antonius Rex Neque semper arcum tendit rex è stata prodotta nel 2002, mentre Praeternatural è finalmente uscito a fine 2003.

Nel 2005 è uscito il primo video ufficiale di Antonius Rex, Magic ritual, prodotto sia in DVD che in CD. Gli ultimi album del prolifico artista sono Per viam del 2009, Pre viam del 2011, Hystero demonopathy del 2012, tutti per la Black Widow.

 

JACULA

LP
In cauda semper stat venenum Gnome (AR-LP 00299) 1969 copertina singola - 310 copie mai messe in vendita
  Black Widow (BWR 051) 2001 come sopra - edizione limitata di 299 copie autografate con adesivo ed inserto
  Black Widow (BWR 051) 2010 nuova ristampa
Tardo pede in magiam versus Rogers (TRS 010001) 1972 copertina singola laminata - 1000 copie
  Rogers (TRS 010001) 1990 ristampa limitata in 500 copie della Musik Research - identico al precedente ma con copertina in cartoncino più sottile
  Black Widow (BWR 108) 2007 edizione del 35° anniversario con un brano in più
 

CD

Tardo pede in magiam versus Mellow (MMP 136) 1992 ristampa dell'album del 1972
  Black Widow (BWR CD 108-2) 2007 edizione del 35° anniversario con un brano audio ed un video aggiuntivi - copertina digipack
In cauda semper stat venenum Black Widow (BWR 051) 2001 ristampa dell'album del 1969
Pre viam Black Widow (BWR 135CD) 2011 nuovo album, esiste con copertina standard e digipack

 

INVISIBLE FORCE

SINGOLI
(con copertina)
Morti vident
1999 mundi finis
Unifunk (AR 02143) 1971  

 

DIETRO NOI DESERTO

SINGOLI
(con copertina)
Dentro me
Aiuto
Decca (C 17017) 1971  


PARTECIPAZIONI A RACCOLTE DI ARTISTI VARI
Progressive voyage
(con Dentro me e Aiuto)
Mellow (MMP 164) 1993 compilation su CD contenente anche brani di Il Giro Strano, Corte dei Miracoli, Quella Vecchia Locanda, Zauber ed altri

 

ANTONIUS REX

LP
Neque semper arcum tendit rex Darkness (DRK 40-18) 1974 copertina singola con apertura sul lato sinistro - 400 copie
  Black Widow (BWR 066) 2002 come sopra con busta interna - 400 copie numerate
Zora Tickle (TLPS 5013) 1977 copertina singola laminata
  Tickle (TLPS 5018) 1978 seconda edizione con diversa copertina singola ed un brano in più
  Musik Research 2001 ristampa della seconda edizione
  Black Widow (BWR 118) 2010 ristampa con copertina originale e con il brano aggiuntivo della seconda edizione - edizione standard in vinile nero, esiste anche un'edizione limitata di 50 copie in vinile colorato
Ralefun Radio (ZPLRR 34048) 1978 copertina singola 
  Black Widow (BWR 128) 2010 ristampa con 1 brano in più
Anno demoni Musik Research (AR LP 00-499) 1979 499 copie
  Musik Research (AR LP 00-499) 1992 ristampa limitata in 500 copie, numerate a mano ed autografate
  Black Widow (BWR 058) 2001 copertina apribile con inserto e 45 giri Invisible Force
Praeternatural Musik Research 1980  
  Black Widow (BWR 074) 2003 ristampa limitata in 500 copie, le prime 35 in vinile rosso - copertina apribile lucida con busta interna
Magic ritual Black Widow (BWR 083 LP) 2005 un brano in più dell'edizione in CD - tiratura limitata di 300 copie in vinile nero e 150 in vinile arancione
Switch on dark Black Widow (BWR 099) 2006 copertina apribile - edizione limitata in vinile nero, essite anche una serie di 100 copie in vinile rosso
Per viam Black Widow (BWR 126) 2009  
Pre viam Black Widow (BWR 135) 2011 nuovo album
Hystero demonopathy Black Widow (BWR 153) 2012  
 

CD

Anno demoni Mellow (MMP 118) 1992 ristampa dell'album del 1979 - attribuito a Jacula - fuori catalogo
  Black Widow (BWR 058) 2001 ristampa dell'album del 1979
  Black Widow (BWR 0582) 2003 ristampa dell'album precedente, rimasterizzata e con 2 brani in più
Zora Mellow (MMP 231) 1994 ristampa dell'album del 1977
  Black Widow (BWR CD 118-2) 2010 ristampa con copertina originale, con il brano aggiuntivo della seconda edizione ed un altro brano inedito - copertina digipack
Ralefun Mellow (MMP 232) 1994 ristampa dell'album del 1978
  Black Widow (BWR 128) 2010 ristampa con 1 brano in più
Neque semper arcum tendit rex Black Widow (BWR 066) 2002 ristampa dell'album del 1974
Praeternatural Black Widow (BWR 074) 2003 ristampa dell'album del 1980
Magic ritual Black Widow (BWR DVD 083) 2005 DVD+CD con registrazioni inedite
Switch on dark Black Widow (BWR CD 099-2) 2006 copertina digipack con una traccia video
Per viam Black Widow (BWR 126) 2009 copertina digipack
Pre viam Black Widow (BWR 135) 2011 nuovo album
Hystero demonopathy Black Widow (BWR CD 153-2) 2012 contiene una traccia video
 

SINGOLI (con copertina)

Agonia per un amore
Witch dance
Spark (SR 848) 1978 versioni diverse di due brani da Ralefun

 

Tutti gli album originali di Jacula ed Antonius Rex sono stati stampati su piccole etichette ed in quantità limitate, da qui la loro rarità ed i loro alti prezzi.
NOTA: Per quanto riguarda informazioni e quantitativi di copie relative alle loro produzioni originali, sono stati citati i dati forniti dai musicisti, che in alcuni casi non è stato possibile verificare personalmente.

In cauda semper stat venenum Neque semper arcum tendit rex sono mai stati distribuiti ai negozi, il primo dei due venne stampato in sole 300 (o 299) copie + 10 promozionali, e solo alcune di esse vennero distribuite a sette religiose. Neque semper fu stampato in 400 copie, e distribuito privatamente. I due album della Musik Research, Anno demoni e Praternatural, sono stati anch'essi stampati in piccoli quantitativi e distribuiti privatamente dal gruppo. 

Tutto ciò riduce gli album commercialmente realizzati a tre soli: Tardo pede in magiam versus degli Jacula e Zora e Ralefun di Antonius Rex.

Tardo pede in magiam versus venne stampato in 1000 copie con copertina singola laminata. Il disegno di copertina era lo stesso di In cauda semper stat venenum, ma mentre l'originale era in bianco e nero qui il disegno era a colori.
Circa 300 copie vennero vendute all'epoca. Il nome del gruppo derivava da un giornalino a fumetti porno/horror degli anni '60 la cui protagonista Jacula era una donna vampiro, e il disco fu inizialmente venduto attraverso la rivista.
La Musik Research di Antonio Bartoccetti ha prodotto una ristampa identica all'originale, limitata a 500 copie, alcune delle quali numerate ed autografate sul retro della copertina. 
Le copie originali possono essere identificate dal cartoncino più rigido (entrambe le copertine sono laminate), dal bordo inferiore del retrocopertina più ampio (vedere foto in basso) e dal timbro SIAE sull'etichetta, che ha una carta più ruvida nell'originale. Esistono comunque copie della ristampa con il timbro SIAE.

La prima edizione di 3000 copie di Zora è molto rara. Se vi piace il disegno di copertina è sicuramente più caratteristica della copertina nera della seconda edizione (5000 copie), ma quest'ultima ha un brano in più, The gnome
Ralefun venne stampato dalla Radio Records, sottoetichetta della RCA, con copertina singola. Molte delle copie in circolazione hanno la scritta "Campione non commerciabile" sull'etichetta celeste/argento.
Non esistono stampe estere né bootleg di questi dischi.

La nuova edizione di Zora prodotta dalla Black Widow nel 2010 ha la riproduzione della copertina originale ed esiste in vinile (sia nero che in un'edizione di sole 50 copie in vinile colorato) comprendendo anche il brano The gnome presente nella seconda edizione del 1978, ed in CD con un altro brano in più, l'inedito Monastery.

In cauda semper stat venenum ha avuto la sua prima uscita ufficiale nelle 2001 a cura dell'etichetta Black Widow di Genova, in serie limitata di 299 copie numerate e firmate da Bartoccetti, e includono un inserto con la storia completa della sua carriera. Del disco esiste anche una edizione in CD.

Anno demoni, uscito nel 1979 in 499 copie numerate e stampate da Antonius Rex in persona, ha avuto una prima ristampa della Musik Research nel 1992 in 500 copie numerate, e poi di nuovo dalla Black Widow, stavolta con copertina apribile contenente un inserto e la ristampa del raro singolo degli Invisible Force. Bisogna notare che la prima ristampa in CD della Mellow, uscita nel 1992, attribuiva l'album a Jacula e non ad Antonius Rex.

Alcuni dischi sono stati realizzati negli anni '80 sotto il nome Antonius Rex. Il singolo 12" Pig in the witch è uno di questi, descritto da Antonio Bartoccetti come "un esperimento techno", e venduti prevalentemente in Inghilterra.

La ristampa di Neque semper arcum tendit rex (400 copie numerate) è stata prodotta nel 2002 dalla Black Widow, che ha anche ristampato Praeternatural alla fine del 2003 (500 copie non numerate, 35 delle quali in vinile rosso), mentre una compilation limitata di materiale inedito, chiamata Verba non volant sarà realizzata solo in CD.

Il DVD del 2005 Magic ritual è realizzato su supporto speciale DVD Plus, lo stesso disco ha un lato DVD e l'altro CD audio. La parte video è diretta da Doris Norton.

In cauda semper stat venenum - LP (ristampa 2001)

Invisible Force - 45 giri

Dietro noi deserto - 45 giri

Un numero del fumetto Jacula

Tardo pedem in magiam versus - LP

Tardo pedem in magiam versus - LP, il retrocopertina della ristampa (a sinistra) e dell'originale

Tardo pedem in magiam versus - LP, le etichette della ristampa (sinistra) e dell'originale

Neque semper arcum tendit rex - LP (dalla ristampa)

Zora (edizione originale) - LP

Zora (seconda edizione) - LP

Adesivo promozionale degli Antonius Rex

Ralefun - LP

Agonia per un amore - 45 giri

Pig in the witch - 45 giri 12"

Anno Demoni - LP

Praeternatural - LP (ristampa)

Magic ritual - DVD+CD

 

Intervista con Antonio Bartoccetti (A.B.) e Doris Norton (D.N.), a cura di Augusto Croce, luglio 2002

1- Qual è stato il motivo dello scioglimento dei vari gruppi? 

A.B.: Il capitolo Jacula finì nel 1972: Charles (a matto sessantottenne con una moglie diciottenne) non vole capire che la ruggine spesso corrode i tesori, e nello stesso tempo dopo la laurea all'Università Cattolica di Milano sapevo che avrei dovuto fare il militare. Inoltre il nome del gruppo era troppo "epidermico". 

Antonius Rex, conseguenza logica del gruppo precedente, si sono sciolti nel 1980: uno di motivi è stato che non eravamo soddisfatti della registrazione frettolosa di Ralefun, un album pieno di buone composizioni prodotte male, che è stato l'unico nostro lavoro che ha venduto bene grazie al marketing RCA e alla promozione della Sidet.Purtroppo Ralefun è ancora oggi il nostro lavoro più conosciuto, o il meno sconosciuto, come sono la maggior parte dei nostri album. 

Probabilmente la nostra meta non è mai stata il risultato commerciale, e per questo motivo i migliori dischi come Praeternatural (autoprodotto per la nostra etichetta Musik Reserach per evitare di dover trattare con i discografici), i primi dischi o Anno Domini sono molto lontani dal gusto commerciale. L'evento Antonius Rex ha chiuso il suo ciclo "deliberatamente anomalo" con i 2 + 6 album previsti, alcuni dei quali inevitabilmente anonimi, come In cauda semper stat venenum e Neque semper tendit arcum. Quest'ultimo venne boicottato dalla Vertigo a causa della Devil letter
Noi abbiamo raggiunto il nostro obiettivo di realizzare dischi solo per noi stessi e per i pochi che ci hanno seguito. Zora fu registrato solo per soldi, perché ne avevamo bisogno, ed è un altro album che non ci piace nonostante il fatto che molte recensioni lo consoderano un buon disco e molte persone lo conoscono.

2 - È corretto parlare di un messaggio "esoterico-subliminale" nei vostri dischi?

D.N.: CI sono migliaia di milioni di esseri umani, quindi lo considererei piuttosto un messaggio altamente individualista: questo include alcune istanze di comunicazione teoretica che possono essere talvolta mistico-oggettive.

3 - I vostri testi spesso si riferiscono alla stregoneria. Chi sono le vostre streghe?

A.B.: Di solito si considera una strega colei che nega il bianco per adorare il nero, convince altre persone ad amarlo, ama l'incesto, devia il seme umano dalla sua destinazione naturale e sa come portare la vita alla sua fine e come catturare la mente.

I personaggi femminili nei nostri testi sono diversi: questi esseri sanno mostrare magicamente la strada a chiunque pensa di non averla o si trova al centro di un incrocio. Ma le streghe in Aquila non capit muscas sono una specie di vendicatrici divine, avide di sangue.

4 - Come descrivereste la vostra musica dagli inizi fino al 1980?

A.B.: In quel decennio di eccessi è stato il destino che ha definito l'aspetto della nostra musica.

Quando siamo arrivati a Milano, e poi a Londra, la nostra idea era anche quella di creare un supergruppo con grandi musicisti che potessero dare il loro contributo creativo alle nostre composizioni. Forse avremmo fatto soldi a palate in questo modo, ma sicuramente avremmo vissuto molto peggio ed avremmo perso la nostra strada andando in cerca di vanità. 

Fatalmente non è andata in quel modo, abbiamo solo registrato le nostre composizioni e all'inizio abbiamo avuto bisogno di Charles Tiring perché nessuno di noi era un organista classico; per gli stessi motivi abbiamo avuto bisogno di Albert [Goodman, batterista] per la sua tecnica percussionistica sebbene fosse piuttosto povera rispetto al nostro batterista preferito, Carl Palmer. 

Penso che la nostra musica sappia creare un'immagine nascosta, una suggestione che "è" prima di essere visibile come lo spettro della luce. La nostra musica era un simbolo esoterico nel quale noi abbiamo espresso il vantaggio smarrito che ha assegnato alla funzione culturale del denaro, un affascinante piccolo margine della sua fuga spirituale. Elencando i nostri otto lavori nelle cui impessioni sonore abbiamo descritto l'indescrivibile, abbiamo provato a dare ai mortali della terra un'altra possibilità di prevdere le loro istanze. Qualcuno ha detto di noi che eravamo "produttori non-tecnici di immagini specchiate sfocate nel mistero".

5 - Ci sono differenze tra Jacula, Antonius Rex e gli altri gruppi in cui hai suonato, nonostante la presenza spesso degli stessi musicisti?

A.B.: Non ci sono particolari differenze concettuali tra loro, ma mi piace citare solo Jacula e Antonius Rex ed ignorare Dietro Noi Deserto ed Invisible Force. In effetti i primi due album di  Jacula rappresentano i nostri inizi, ed il primo album di Antonius Rex è l'evoluzione logica di questi due. Abbiamo già nominato Zora e Ralefun, due album ridicoli sia dal punto di vista concettuale che da quello tecnico-artistico. Su Zora Mr.Albert Goodman volle suonare la batteria lasciando timpani e percussioni…. il risultato ritmico di Zora è veramente terribile.

6 - Jacula e Antonius Rex sono gruppi di culto sia in Italia che all'estero. Avete mai pensato a lavori retrospettivi (come un cofanetto o un libro) per i fans di tutto il mondo?

A.B.: Ci abbiamo pensato molte volte, e sembra un'ottima idea; abbiamo anche alcuni video che possono uscire dsu DVD. Aspettiamo solo il momento giusto!

7 - Tutti i dischi di Jacula e Antonius Rex sono usciti in edizioni limitate? Musica d'elite o scelta commerciale?

A.B.: Tutti i nostri album tranne Ralefun possono essere descritti come edizioni limitate, emozioni musicali per un gruppo selezionato, da accettare o rifiutare in blocco. Non la chiamerei una scelta commerciale, perché quandohai 20 anni e pensi di essere un dio, non ti interessano le ragioni del marketing. Parlerei piuttosto di destino, dovevamo fare dischi che sarebbero spariti nella nebbia delle foreste. L'unica ingenua illusione ci venne data da Albert nel 1974, ci promise che Neque sarebbe stato stampato dalla Vertigo: le cose sarebero andate in modo diverso… ma tutto quello che è successo era già scritto.

8 - Come giudicate gli alti prezzi che alcuni vostri dischi hanno raggiunto tra i collezionisti?

A.B.: Penso che ci siano solo due modi per raggiungere un'apparente verità: dal punto di vista razionale, è stato difficile per i collezionisti di tutto il mondo trovare i nostri lavoro; se un disco è raro, e ha un contenuto rilevante, allora attira i collezionisti.

D'altra parte bisogna aggiungere a questo l'aspetto di comunicazione altamente tematico e probabilmente di esoterismo degno di fede che alcuni nostri lavori (tranne Zora e Ralefun) contengono. Se si uniscono questi due aspetti, ciò che è raro diventa ancora più raro perché ha a che fare con il mistero, questo è l'aspetto affascinante. Ovviamente sapere che un'edizione originale di Zora si vende a 350 dollari è una soddisfazione, ma anche una delusione, considerando che quel disco manca oggettivamente di forza e originalità.

9 - Come spiegate la mancanza di esibizioni dal vivo?

A.B.: Abbiamo fatto un unico concerto, mi pare che fosse nel 1972 al Teatro dell'Arte a Milano con soli 45 ospiti paganti, ma fu una soddisfazione perché il biglietto costava 50000 lire. Più tardi, nel 1979, facemmo un bel tour europe: le date erano pubblicate su Ciao 2001. Poi Albert sparì e dovemmo cancellare il concerto al Teatro Argentina a Milano nonostante le 2000 persone all'ingresso.

10 - È una soddisfazione che "Neque Semper Arcum Tendit Rex" sia stato ristampato 28 years dopo la sua uscita originale?

A.B.: È molto bello, perché insieme con Praternatural è l'album che ha richiesto più sforzi per essere realizzato. Noi abbiamo ancora 22 copie dell'originale e abbiamo trovato alcune copia di una ristampa probabilmente illegale in un mercato a Varsavia. Ora abbiamo concesso i diritti per il disco alla Black Widow e quelli per i testi ad un gruppo italo-americano che era molto attratto dai loro contenuti.

11 - Come mai andavate spesso in Romania?

A.B.: Consideriamo ancora la Romania la nostra seconda casa, specialmente per l'alto senso teologico che i suoi abitanti possiedono naturalmente. È anche il paese natale di Tepes, che ha sicuramente ispirato la nostra creatività.

12 - Vi dispiace che alcuni vostri dischi siano passati inosservati?

A.B.: Per niente. Alcuni LP sono nati per rimanere sconosciuti agli ascoltatori più tradizionalisti e al marketing. Qualcuno ha cominciato a parlare del nostro secondo LP, Tardo pede, solo nel 1980, cioè otto anni dopo la sua uscita. Tutto ciò rientra nei nostri progetti originali e nelle nostre scelte inevitabili, ed è una soddisfazione. I Lavori sono qui per rimanere, e forse domani qualcuno parlerà ancora di U.F.D.E.M., Magister dixit, Triumphatus, Incubus, Non fiat, Ego sum, In hoc signo, Necromancer, la mano di Gloria o Mister Vlad, ricordando che non tutti i costumi che la nostra società ha creato per essere indossati dagli Spiriti possono essere rappresentati senza contraddizioni con quello che persone dementi hanno arbitrariamente deciso che fosse il linguaggio musicale.

13 - Quali sono i vostri ricordi di Londra?

A.B.: Londra era ed è tuttora una metropoli infetta, in grado di infettare il mondo intero. Dal punto di vista musicale c'erano molti ottimi produttori, ma volevano solo compromessi, e i musicisti che accettavano queste condizioni potevano guadagnare molto denaro.

14 - Seguite qualche artista?

A.B.: No, nessuno da più di vent'anni. Molti anni fa ascoltai con attenzione il primo album dei Black Sabbath, con una copertina altamente signficativa disegnata dal grande Keef. Mi piaceva lo stile di chitarra di Tony Iommi, che aveva il lato positivo di essere originale ma quello negativo di essere ripetitivo. Mi piacevano anche i Van der Graaf Generator, i primi Genesis, il primo LP dei Gentle Giant, i primi due King Crimson perché ammiravo l'ispirazione che Fripp aveva avuto dai classici francesi. Non mi è mai piaciuto Eric Clapton, che conoscevo da prima dei Cream e che ho seguito fino ai Blind Faith: troppo formale e senza idee, al contrario degli Iron Butterfly che vidi a New York ed erano ottimi. Non c'è niente di buono oggi e ci sarà solo rumore domani.

15 - Come giudichi l'interesse di Doris Norton per l'elettronica fin dal 1980?

A.B.: Fa parte della sua natura sintetica, del suo desideri di cercare e produrre senza aiuto dagli altri, senza un gruppo. Mi piacciono Psychic research ed altri album nel loro essere non-musicali e sperimentali. Dal momento che il cosiddetto rock non aveva nient'altro da dire era meglio sperimentare ed andare più avanti del nostro tempo piuttosto che...… Non potevo vedere un nostro futuro come compositori, piuttosto un futuro fatto di effetti e creazione di ritmi, su una forte base tecnologica e sempre in fuga dalla Musica.

16 - Ed ora?

A.B.: Da più di dieci anni mi piace produrre rumore, rumore cretico. Niente a che vedere con la musica: abbiamo venduto sei milioni di singoli e più di 550mila album di Techno estrema, con lo scopo di dare una droga sonora non distruttiva a coloro che sono distrutti dalle droghe reali.

17 - A quando un nuovo album?

A.B.: Ogni volta che andiamo in Romania, dove abbiamo un piccolo studio in un convento, continuiamo a comporre e registrare, ma non sappiamo se questo diventerà mai il nostro nono album.

18 - Tornando a "Neque semper", qual è il messaggio contenuto nell'album?

A.B.: Ci sono molti modi per descrivere Neque semper… se In cauda era l'inizio di un cammino di ricerca interiore e Tardo pede un invito a camminare lentamente verso mondi magicamente occulti, Neque semper è il desiderio di fare, mettendo il proprio io magicamente inquisitore sulla cima di una montagna e al di sopra degli esseri umani. Penso che Neque semper possa essere descritto come un concetto che deriva dall'oscurità di un castello in bianco e nero con stanze diversamente illuminate.

19 - Portesti spiegare il significato dei sei brani?

A.B.: Neque Semper Arcum, che apre l'album con un organo classico, è la mia condanna dell'invidia, una chitarra ritmica dark, una chitarra solista misticamente lugubre e allo stesso tempo pesantemente prog.
Pactus, la storia di un patto di sangue, in un'atmosfera rituale-dark, tre chitarre prog soliste in sequenza, un breve ma efficace intermezzo di moog. È l'unico brano soft nell'album, dove le chitarre progressive e i ritmi percussivi possono essere solo visti come Amore Magico Estremo.
In hoc signo vinces
, piano e chitarra ritmica ricordano quasi un cupo film impressionista. L'assolo di mini-moog è sicuramente in stile advanced-fusion. 
Non fiat voluntas tua, forte condanna che riprende i temi socio-ecologici di U.F.D.E.M. Voce celebrativa, chitarra dura, clavicembalo prog, ritmi cerimoniali. 
Devil letter: no comment!
Aquila non capit muscas, il mio pezzo preferito, mette una maschera di ferro alla vigliaccheria dei profeti secolari. Tipico piano progressive, chitarra ritmica dark, un assolo originale di chitarra.

20 - Dunque sei soddisfatto di come era stato prodotto "Neque semper"?

A.B.: In senso creativo sì, Neque semper rappresenta l'evoluzione di Doris Norton, forse perché inconsciamente voleva dimostrare a Charles Tiring che anche lei sapeva suonare molto bene l'organo classico, che aveva studiato a fondo per tre lunghi anni; è stata anche bravissima con il mini-moog, creando anche le parti di basso e la ritmica. Albert ha rispettato i nostri desideri con i ritmi: timpani, cassa, gong e percussioni varie: la perfezione ritmica è dovuta all'uso di nastri ad anello che l'abbiamo costretto ad usare dopo avergli insegnato come lavorarci.

Per quanto riguarda il mio ruolo, a parte la voce che ho volontariamente usato con tono evocativo, ho cominciato di nuovo come chitarrista da Triumphatus sad [sul primo album del  1969], sapendo di dover usare la mia chitarra in maniera iperbolicamente personale e precursiva. Ancora mi piacciono oggi alcuni assoli fatti con la mia Gibson SG.

21 - Quando esce la ristampa di "Neque semper" ?

A.B.: Inevitabilmente tra settembre e ottobre 2002. L'LP è assolutamente identico all'originale, con copertina in bianco e nero, lettera del diavolo e simboli magici in copertina, in edizione numerata e con apertura sul lato sinistro. La versione CD sarà molto pulita, compressa e dinamica, ma… senza alterazioni di una singola nota. Aspettiamo di vedere come sarà ricevuto nel mondo dopo 28 anni!

 



Cliccare sulle foto per ingrandirle

Il gruppo del 1974
(Goodman, Bartoccetti, Norton)
Fotografia promozionale recente

 

 

Il sito ufficiale è all'indirizzo www.antoniusrex.com.

 

 

Grazie alla Musik Research per foto, informazioni ed intervista. 
Grazie anche a Black Widow, Rockground, Rocco Trezza e John N.Martin di John's Classic Rock per alcune foto ed informazioni di questa pagina.