Artista

LIBRA

1974
Federico D'Andrea (voce, chitarra)
Nicola Di Staso (chitarra, voce)
Sandro Centofanti (tastiere)
Dino Cappa (basso, voce)
David Walter (batteria, percussioni)

1975
David Walter esce ed entra:
Walter Martino (batteria)

1977
Sandro Centofanti (tastiere)
Maurizio Guarini (tastiere)
Carlo Pennisi (chitarra)
Dino Cappa (basso)
Walter Martino (batteria, percussioni)

Caso unico di un gruppo italiano sotto contratto con l'etichetta statunitense Motown, i Libra vennero fondati a Roma nel 1973 dallo scioglimento dei Logan Dwight, con una formazione comprendente due dei musicisti di quel gruppo, Federico D'Andrea ed il chitarrista Franco Ventura, oltre a Sandro Centofanti alle tastiere (dal Buon Vecchio Charlie), Nicola Di Staso alla chitarra e David Walter alla batteria.

Dopo un primo scioglimento il gruppo si riformò nell'autunno 1973 per partecipare al musical Jacopone, con il bassista Claudio Barbera (anche lui dai Logan Dwight) al posto di Ventura. In questo periodo conobbero il produttore Danny Besquet, che propose loro di trovargli un contratto discografico, e alla fine della tournée la formazione si stabilizzò con l'ingresso del bassista Dino Cappa, con cui registrarono un demo agli studi Sonic di Roma.
Grazie al provino ebbero un contratto con la Ricordi, e registrarono a Milano nell'autunno 1974 il primo album Musica e parole, di cui venne contemporaneamente realizzata una versione cantata in inglese.

Il disco uscì nel febbraio 1975, un album essenzialmente rock con largo uso di parti acustiche e qualche influenza jazz-rock e funky, Musica e parole ha qualcosa della PFM e alcuni momenti in stile prog interessanti, come il lungo brano di 13 minuti che chiude il disco, Inquinamento (cantato in romanesco e ribattezzato Pollution nella versione americana). Il disco venne promosso con un tour di supporto al Banco del Mutuo Soccorso nella primavera del 1975.

Nel frattempo il produttore Besquet riuscì ad ottenere un contratto per 10 LP con l'etichetta statunitense Motown, utilizzando la versione in inglese del disco, che venne pubblicata negli USA con il titolo Libra. Uno dei brani del disco, Beyond the fence, molto funky, era in inglese già nell'album originale, ed è un brano registrato dal vivo o con falsi applausi.
Il gruppo, con il nuovo batterista Walter Martino (ex Ritratto di Dorian Gray, Reale Accademia di Musica, Goblin), si preparò per tutta l'estate del 1975 per la tournée americana, che cominciò nell'ottobre a Los Angeles, con concerti insieme a Frank Zappa, Tubes, Chicago e Steppenwolf.

Negli Stati Uniti venne anche registrato un nuovo album, ma nel dicembre 1975 il gruppo tornò in Italia e, a causa del deterioramento di rapporti con il produttore, si sciolse.
Il secondo album, Winter days nightmare, molto più commerciale del precedente e con forti (e ovvie, considerando l'etichetta) influenze funky, uscì negli USA nella primavera 1976, ma non ebbe successo.

Un'ultima formazione dei Libra, comprendente il tastierista Maurizio Guarini dei Goblin ed il chitarrista Carlo Pennisi dei Flea, pubblicò un terzo album nel 1977 come colonna sonora al film Schock (Transfert-Suspence-Hypnos), del regista Mario Bava, in stile molto vicino ai Goblin, per poi sciogliersi.
Il forte legame tra questi gruppi è riconfermato da un LP di genere funky-disco intitolato Starter, uscito nel 1979 e accreditato al gruppo Pole Position (etichetta Zip LPZ 501). Del gruppo facevano parte Centofanti, Pennisi, Guarini e Martino dall'ultima formazione dei Libra, insieme ad Antonio Marangolo ex-Flea, Massimo Morante, Fabio Pignatelli e Agostino Marangolo dei Goblin ed altri musicisti.

Federico D'Andrea morì nel 1978, investito da un'auto, Sandro Centofanti è scomparso nel 2014.

 

 

LP
Musica e parole  Ricordi (SMRL 6156) 1975 copertina apribile laminata 
Libra Motown (M6 847) - USA 1975 edizione cantata in inglese del precedente - copertina singola
Winter day's nightmare Motown (M6 864) - USA 1976 uscito solo negli USA - copertina singola
Schock (Transfert-Suspence-Hypnos) Cinevox (MDF 113) 1977 copertina singola - etichetta verde
Shock (Transfert-Suspence-Hypnos) AMS/BTF (AMS LP 97) 2015 nuova edizione del precedente con titolo corretto e diversa copertina apribile in tre parti, vinile multicolore - contiene 4 brani inediti già apparsi nella versione in CD del 2001


CD
Schock (Transfert-Suspence-Hypnos) Cinevox (MDF 350) 2001 ristampa dell'album del 1977 con diversa copertina e 4 brani aggiuntivi
Musica e parole  BMG (74321-98068-2) 2003 ristampa dell'album del 1975 con mini copertina apribile - fuori catalogo
  Sony/BMG (88697-89991-2) 2011 come sopra

 

Musica e parole è un album difficile da trovare, anche se non ricercatissimo in Italia. 
L'album è stato ristampato in CD nel marzo 2003 dalla BMG con copertina apribile mini-LP e fascetta obi, all'interno della serie "Dei di un perduto rock", e successivamente di nuovo ad ottobre dello stesso anno quando uscì una seconda emissione della stessa serie.
Il CD venne annunciato dalla BMG come disponibile anche con custodia in plastica standard (numero di catalogo 74321-98067-2) ma a quanto pare non è mai uscito in questo modo.
Lo stesso CD è uscito anche in Giappone su etichetta BMG/Strange Days (BVCM-37507)
nel 2004, con copertina mini-LP apribile.

I due album USA per la Motown sono molto più comuni, il primo, Libra (Music and words) è uscito anche in Francia per la Rare Earth (n. 2C066-96915) e in Canada.

Schock è uscito in Giappone per la Seven Seas in vinile nel 1979 (cat. FML-118) e su etichetta SLC in CD, con il titolo corretto in The Shock e diversa copertina.
Inoltre in Giappone è uscito nel 1979 anche un singolo contenente The Shock e L'incubo dall'LP Schock (Seven Seas FMS-103)
.
L'LP è stato ristampato in Italia per la prima volta nel 2015 con il titolo corretto Shock, una diversa copertina apribile in tre parti e vinile multicolore. Questa edizione contiene quattro brani aggiuntivi che erano già apparsi nella riedizione in CD del 2001 della Cinevox.

Non esistono falsi.

 

Musica e parole - LP

Libra (edizione USA) - LP

Winter day's nightmare (solo USA) - LP

  

Schock - LP originale e ristampa CD

The Shock - LP (Giappone)
Shock - LP ristampa 2015

 

 

I ricordi del chitarrista Nicola Di Staso (ma il vero nome è Distaso), di Augusto Croce, luglio 2008

1- Come è cominciata la tua carriera musicale?

Ho cominciato a tredici anni con esperienze varie con gruppi beat romani con cover di Beatles, Rolling Stones, Jimi Hendrix, Cream, per poi proseguire con band di Rhythm & Blues e Pop. Con il mio gruppo, ed i Lombrichi [il gruppo da cui provenivano i componenti del Rovescio della Medaglia] suonavamo nello stesso locale nei pressi della Stazione Termini, nei pomeriggi danzanti del lontano 1965-66! Bei tempi!

Nicola Di Staso (a sinistra) e il fratello Mario alla batteria - 1965
Hell Psychedelic - 1967

Tra i vari gruppi beat con cui ho suonato, sono da segnalare gli Alleluja, con cui ho inciso un LP dal titolo La Messa Beat, del maestro Marcello Giombini. Poi nel 1969 feci un tour con Massimo Ranieri.
Successivamente ho fatto parte del cast di Hair, la versione italiana del 1970, con Teo Teocoli, Renato Zero, Loredana Bertè, Penny Brown, con il Maestro Bill Conti, futuro Premio Oscar per le musiche di Rocky, e la regia di Victor Spinetti, già attore nei film dei Beatles, con tutto il cast abbiamo registrato un LP alla RCA, ed abbiamo partecipato al Primo Festival Pop di Caracalla.

Nicola Di Staso - Hair, 1970

2- Poi ti sei dato al pop progressivo...

Sì, prima con Le Rivelazioni. Una delle loro prime formazioni era con Fabio Pignatelli al basso, Piero Tudini alla chitarra, Giorgio Grassi alla batteria e Gianfranco Coletta alla chitarra e voce, con Fabio e Walter Martino ho fatto parte del gruppo che accompagnava Tito Schipa Jr. al primo festival Pop di Napoli "Be-in" nella primavera del '72, con Tito abbiamo anche registrato il disco Io ed io solo.

Le Rivelazioni - 1970

Nell'estate del '72 con il gruppo FM2 abbiamo vinto il Cantagiro nel girone “Giovani complessi”, della formazione facevano parte Dave Summer chitarrista dei Primitives, Douglas Meakin cantante del complesso inglese Motowns e David Walter futuro batterista dei Libra.

FM2 - 1972

3- E poi la Reale Accademia di Musica?

Sono entrato appena dopo la registrazione del disco nell'autunno 1972, dopo un po’ entrò anche Walter Martino al posto di Roberto Senzasono, suonammo al Piper Club nella rassegna di gruppi Pop Progressive, dopo di che nella primavera del '73 io lasciai per entrare nei Logan Dwight, sostituito da Gianfranco Coletta, con cui avevo suonato nel gruppo Le Rivelazioni.
Quando suonavo nella Reale la formazione era Pavone, Troiani, Topel e Senzasono, poi Martino ha sostituito Senzasono, ma nel disco c’è Pericle Sponzilli che suona la chitarra!

4- E siamo arrivati ai Libra

I Libra nascono dalle ceneri dei Logan Dwight, Federico D'Andrea (chitarra e voce), Franco Ventura (chitarra), Alessandro Centofanti (tastiere), David Walter (batteria) ed io alla chitarra.
Dopo varie prove nella primavera 1973 il gruppo si scioglie, nell'autunno '73 otteniamo un ingaggio come band nel musical Jacopone, con Gianni Morandi e Paola Pitagora, e al posto di Ventura subentra al basso Claudio Barbera, già bassista dei Logan Dwight. Durante la tournée teatrale conosciamo Danny Besquet, futuro produttore insieme a Tony Renis di Nikka Costa, ex bassista dei New Dada, che interessato alla nostra musica ci propone di essere il nostro produttore e di trovarci un contratto discografico. Alla fine della tournée di Jacopone subentra al basso Dino Cappa e registriamo un demo agli studi Sonic di Roma.
Danny con questo provino riesce ad avere un contratto con la Ricordi e nell'autunno '74 registriamo l'LP Musica e Parole negli studi di Milano, con Claudio Fabi come Produttore Artistico, contemporaneamente Federico aveva registrato una versione in inglese e Danny con questo master vola in America a cercare un contratto discografico.
Nel frattempo nella primavera del '75 facciamo un tour come supporter del Banco del Mutuo Soccorso, arriva la notizia che la Motown è interessata a noi stipulando un contratto per 10 LP!
Walter Martino prese il posto di David Walter, per tutta l'estate del '75 proviamo per il tour in USA e partiamo il 15 ottobre per Los Angeles, iniziamo il tour facendo supporter a Frank Zappa, Tubes, Chicago, Steppenwolf, e registriamo il nostro secondo LP, Winter day's Nightmare, che uscirà negli USA nella primavera '76.
A fine dicembre '75 torniamo in Italia, Federico rimane qualche altra settimana per registrare le parti vocali, i rapporti tra di noi e Danny si incrinano irrimediabilmente per motivi al di fuori della musica, ed il gruppo si scioglie. Poco tempo dopo Martino, Centofanti, Cappa, Carlo Pennisi e Maurizio Guarini registrano la colonna sonora di Schock con il nome dei Libra!

5- E dopo i Libra?

Ho suonato con Claudio Baglioni nel 1977, in tournée in Italia e negli USA, poi con Nini Rosso in Giappone, Loredana Bertè e tanti altri. Ho collaborato con Claudio Simonetti nell’album Daemonia e ho fatto parte dell’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma.
Attualmente suono con l’Orchestra Italiana di Renzo Arbore e alla RAI con l’Orchestra di “Domenica In”.

Piper Club 1982 - Nicola Di Staso, Enzo Vita, Carlo Bruno, Marcello Vento
Nicola Di Staso - 2008

6- Hai conosciuto molti nomi importanti dei gruppi rock romani, cosa ricordi del Rovescio della Medaglia?

Il primo cantante del gruppo è stato Gianni Mereu, omonimo del leader dei Logan Dwight, al Festival Pop di Viareggio c'era lui, il loro produttore era Massimo Bernardi, colui che portò Hendrix a Roma, io c'ero! Mereu è un mio amico, ci conosciamo da sempre; attualmente canta e suona al Piano Bar di un grande hotel, la loro prima attrezzatura musicale importante, ampli ed impianto voci li acquistò un amico di Gianni.
Il loro secondo cantante è stato Sandro Falbo, primo cantante delle Rivelazioni, ho una foto di Sandro che canta con Il Rovescio Della Medaglia al festival Pop svoltosi al Kilt di Roma, credo nel '71, c'ero anche io, tra il pubblico c'era Pino Ballarini allora cantante dei Poema di Pescara, che già conoscevo, insieme al loro bassista Gianni, che ora è un impresario.

7- Hai conosciuto anche i Free Love?

Ero amico di Gianni Caia, lavorava in un negozio di dischi a via Gallia, suonavamo insieme prima dei Free Love, con il futuro cantante dei Cugini di Campagna Flavio Paulin ed il bassista del complesso di Tomas Milian!!!
Inizialmente i Free Love erano in quattro, quando successe la disgrazia stavano suonando con Mia Martini, artista con cui noi dei Libra abbiamo registrato un LP Che vuoi che sia se ti ho aspettato tanto. Stavano tornando la notte stessa da una serata nel sud Italia, me lo ha raccontato il loro autista del furgone, che conoscevo, tornavano per poter assistere ad un concerto di un gruppo inglese a Roma, un colpo di sonno e.... morirono Gianni e Steve Stogel, chitarrista e cantante, una vera tragedia, si fece una serata al Piper di Roma in loro ricordo. Con Stefano Sabatini abbiamo suonato con Alan Sorrenti nel disco e nel tour di Figli delle stelle.

8- Qualche altro aneddoto?

Nel disco di Franco Maria Giannini ci siamo io e mio fratello Mario Di Staso alla batteria, che ha suonato con Quella Vecchia Locanda e con la prima formazione di Stradaperta, allora Light Crisalis, insieme abbiamo suonato anche nel LP dei Folkstudio Singer, gruppo Gospel dei fratelli Hawkins

9- In conclusione, che ricordi hai degli anni ‘60 e ’70?

Sono molto legato a quel periodo, perché era vero!!
Volevamo conquistare il mondo, almeno quello musicale, nell'aria c'era tanta energia positiva, e a noi dei Libra ci pareva di aver toccato il cielo con un dito, andando a suonare negli USA!

 

 



Cliccare sulle foto per ingrandirle

Libra - Jacopone tour, 1973
Libra - 1974
Libra - 1975, Venezia, teatro Malibran
Libra - foto ufficiale Motown 1975
 
Libra - 1975
 
Libra - USA 1975
Libra - Nicola Di Staso, USA 1975 Libra - Walter Martino, USA 1975

 

 

Due pagine di MySpace sono dedicate a Nicola Di Staso (www.myspace.com/nicoladistaso) e ai Libra (www.myspace.com/libraitalianband).

 

 

Grazie a Nicola Di Staso per la collaborazione, le foto e le informazioni sui Libra, e a John Elvis Gualtieri, Fabio Meini, Guido Piron, Diego Petrini, Valerio D'Angelo e Marcelo Bacha per foto ed informazioni di questa pagina