Elenco alfabetico

B

BABA YAGA

Discografia:
45 - Good morning love/The man and the sparrow (Apollo ZA 50225 - 1972)

Un unico singolo da rilevare, con brani composti da Maurizio Bigio, per questo trio femminile rimasto in attività fino al 1980. Il genere è piuttosto commerciale e difficilmente catalogabile come progressivo.
Le Baba Yaga parteciparono anche alla colonna sonora composta da Albert Verrecchia per il film Roma drogata: La polizia non può intervenire, del 1975, ma uscita in CD solo nel 2007.
Un altro singolo a nome Le Babayaga uscì nel 1979, con Che gatta! (sigla del programma televisivo Discoring) e Flop, per l'etichetta Disaster (DIS 1501), e lo stesso gruppo incise altri 45 giri con i nomi Le Camomilla e Le Sorelle Bandiera.

I BACI - SILVER E I BACI

Formazione:
Silver Soprani (voce, chitarra)
Marco "Jimmy" Villotti (chitarra)
Claudio Golinelli (basso)
Gilberto "Attila" Rossi (batteria)

Discografia:
45 - Povero cane/Strada bianca (CBS 3838 - 1968)
45 - Il successo della vita/Torna (CBS 4168 - 1969)
45 - Cerco lei/Scende la notte (CBS 4772 - 1970)

I Baci, da Forlì, nacquero nel 1968 e realizzarono solo tre 45 giri per la CBS. Il secondo è il più vicino ai contenuti di questo sito, con un ottimo lavoro di chitarra distorta di Villotti.
Il nome originale del gruppo era i Phedia, cambiato su consiglio del loro produttore Checco Marsella (dei Giganti). La prima formazione comprendeva Soprani, il batterista Luciano Tassinari e il bassista Beppe Pippi, proveniente dai Lorenz e più tardi nei Forum Livii, ma dopo poco Tassinari fu sostituito da Gilberto Rossi e venne aggiunto il secondo chitarrista Jimmy Villotti dei Meteors.
Questa formazione incise il primo singolo Povero cane, passato inosservato e che vendette circa 800 copie. Pippi decise di tornare al suo vecchio gruppo, i Lorenz, e venne sostituito con Claudio Golinelli e la nuova formazione partecipò al Cantagiro 1969.
Il secondo singolo Il successo della vita fu quello che vendette più copie, più di 10.000, ma un incidente d'auto che fermò il gruppo per diversi mesi, e la delusione per non aver ottenuto il successo sperato, spinsero Villotti a creare una strada come solista (con un gruppo chiamato Jimmy Mec), mentre gli altri continuarono in tre.
Il terzo e ultimo singolo, del 1970, ebbe poco successo e il gruppo si sciolse quando Golinelli venne chiamato alle armi.
Golinelli e Pippi hanno poi suonato nei Reattori Caldi.
Soprani formò un nuovo gruppo chiamato Silver e i Baci, comprendente Enzo Vallicelli (batteria), Gabriele Biondi (basso), Mario Valmori (tastiere) e Vanni Meleni (fiati), che partecipò anche al Festival di Avanguardia e Nuove Tendenze di Viareggio nel giugno 1971, suonando moltissimo all'Altro Mondo di Rimini come spalla ai principali gruppi italiani. Nel 1971 registrarono diversi provini per la Ricordi, che però preferì far uscire nel 1972 un 45 giri del solo Silver (Soprani), Bella mia/L’erba bianca, partecipante anche al Festival di Sanremo. Soprani realizzò anche un album autoprodotto su cassetta.
Vallicelli lasciò il gruppo nel novembre 1971 per formare gli Hellza Poppin, sostituito da Nicola Venditto, mentre il gruppo si è sciolto nel 1975.

BALLETTIROSADIMACCHIA

Discografia:
LP - Ballettirosadimacchia (Rockit Enterprises RIES 74 - 198? - Canada)

Si sa poco di questo gruppo misterioso, il cui unico album ha spesso raggiunto in passato prezzi incredibili prima che i collezionisti si rendessero conto che non è veramente una rarità degli anni '70. Anche l'anno di registrazione è incerto, alcuni dicono che si tratta del 1974-75, ed è questo il motivo della sua inclusione qui, ma è più probabile che il disco risalga alla seconda metà degli anni '80 o all'inizio degli anni '90.
L'album è stato pubblicato in Canada con un produttore tedesco, la musica è un buon prog con organo e tastiere in evidenza, cantato in italiano con un forte accento straniero e testi spesso incomprensibili: si tratta quasi certamente di un gruppo straniero, molto probabilmente giapponese, che si presentava sotto falsi nomi italiani, e l'impressione è confermata anche dall'altissimo numero di errori presenti in copertina nelle note e nei testi.
La formazione riportata sul disco comprende Tonino Leo Ucchi (voce, basso chitarra acustica, flauto, tastiere), Antonio Sassada (chitarra), Gianni Mazzi (tastiere) e Marcello Taddeo Matteotti (batteria, percussioni, tastiere).
L'album è stato anche ristampato in Giappone o Corea con una copertina interamente bianca. La prima ristampa in CD è del 2008 per l'etichetta giapponese Tachika, con copertina mini-LP.

IL BALLETTO DI BRONZO

BAMBIBANDA E MELODIE

BANCO DEL MUTUO SOCCORSO

GIUSEPPE "BAFFO" BANFI

BARABBA

Discografia:
LP - Il Vangelo secondo Barabba (Elledici AZ 332 - 1977)

Un LP a tema, su testi basati sul Vangelo scritti da ragazzi, e con musiche composte dall'ex chitarrista dei Circus 2000 Marcello "Spooky" Quartarone, pubblicato da una piccola etichetta torinese.
L'album è molto breve, circa 30 minuti, e con Quartarone suonano anche diversi musicisti noti del giro torinese, come Giovanni Vigliar e Arturo Vitale degli Arti & Mestieri, Piercarlo Bettini, Sandro Gianotti e Gianni Bianco dei Living Life, e Max Aimone di Venegoni & Co. Le parti strumentali sono di buon livello ma non particolarmente elaborate, quelle vocali comprendono molti cori a più voci.

MARIO BARBAJA

BARBARA E I FUNAMBOLI

Discografia:
45 - Cosa conti tu/Il viaggio (Saint Martin 460 - 1971)

+ altri

I Funamboli, di Vigevano, hanno realizzato diversi 45 giri a partire dal 1966 in piena era beat. Nell'ultima fase della loro carriera pubblicarono tre singoli insieme alla cantante Barbara Lory, tra cui questo, più vicino a sonorità rock e con una voce che ricorda a tratti quella di Lydia e gli Hellua Xenium.

DONATELLA BARDI

Discografia:
LP - A' puddara è un vulcano (Elektra T 52028 - 1975)

CD - A' puddara è un vulcano (BTF/VoloLibero VM 146CD- 2010 - ristampa del precedente)
45 - Punto e a capo/Regina in questa età (Elektra T 12216 - 1975)

Nata a Torino, Donatella Bardi fu molto attiva nel circuito dei festival dei primi anni 70, collaborando con parecchi musicisti milanesi come Il Pacco, Eugenio Finardi, Claudio Rocchi
Il suo album del 1975 è un disco di canzoni molto buono, la bella voce di Donatella è supportata dall'aiuto di validi musicisti: il fratello Lucio Bardi (chitarra), Gianfranco "Pepè" Gagliardi (tastiere), Paolo Donnarumma (basso) ed Antonello Vitale (batteria). Il disco ha una bella copertina apribile in tre parti.
Dopo l'uscita del disco la Bardi ha continuato la sua attività musicale oltre a quella teatrale, fino alla morte avvenuta nel 1999.

IL BARICENTRO

LUCIANO BASSO

FRANCO BATTIATO

LUCIO BATTISTI

BAUHAUS

BEIA COME ABA

Formazione:
Sergio De Francesco (tastiere)
Antonio Lombardi (chitarra)
Giuseppe Massaglia (basso)
Antonio D'Ambrosio (batteria, percussioni)

Discografia:
LP - Beia come Aba (Mu UM197 - 1979)

Uno dei tanti gruppi jazz-rock torinesi, con un solo album all'attivo, pubblicato nel 1979.
Il quartetto originale era stato formato nel 1974 nella zona di Barriera di Milano e Porta Palazzo da Lombardi, Massaglia, D'Ambrosio con il sassofonista Dino Bandini. Successivamente la formazione si ampliò con l'ingresso del tastierista Sergio Cardarelli e del percussionista Raffaele Fontana, con un repertorio di brani originali rock con influenze jazz e un attività concertistica a Torino e nella provincia.
Dopo l'incontro con alcuni componenti degli Arti & Mestieri, il gruppo ebbe la possibilità di registrare un album nello studio di Gigi Venegoni, ma a causa di divergenze tra i componenti, Bandini,Cardarelli e Fontana lasciarono il gruppo e subentrò Sergio De Francesco.
Con questa nuova formazione il gruppo realizzò l'LP pubblicato dall'etichetta Mu e prodotto da Marco Cimino (Errata Corrige), contenente brani in gran parte improvvisati, per poi sciogliersi dopo poco.
Il disco è uscito con due diverse copertine, quella con la foto in bianco e nero (la grafica è di Marco Gallesi, ex bassista di Arti & Mestieri) è più comune e sembrerebbe essere la seconda edizione.

BELLA BAND

SUSI BELLUCCI

Discografia:
LP - Nel paese di Susi (RCA PL 31407 - 1978)

Anche se si trata di un album di canzoni per bambini, è interessante citarlo per gli arrangiamenti e la collaborazione di Arturo Stalteri dei Pierrot Lunaire.

BELVE DENTRO

Formazione:
Peppe (chitarra)
Gianni (tastiere)
Amedeo (basso)
Nando (batteria)

Discografia:
45 - Cronaca nera/Subito dopo (First FR 5025 - 1970)

Solo un 45 giri per questo gruppo, immediatamente sparito dalla circolazione. Le Belve Dentro suonarono anche con la cantante Giovanna nella sua versione del loro 45 giri (Cronaca nera/Un momento nella sera - Ariston AR 0372 - 1970).
Il lato B del loro unico singolo, Subito dopo, è composto da Claudio Rocchi.

EDOARDO BENNATO

PIERPAOLO BIBBO'

MAURIZIO BIGIO

Discografia:
LP - Rock Bigio blues (It ZSLT 70020 - 1973)
LP - Ma.Gi. (Iller IL 12 - 1975)
+ singoli

L'album di questo bravo chitarrista perugino contiene alcune canzoni commerciali ed altre di ispirazione rock e blues, come indica il titolo. Agli amanti del prog può interessare un bel brano strumentale dal titolo Rock evoluzione, suddiviso per scelta del produttore in quattro parti.
Ma.Gi. del 1975, è un album di sonorizzazioni prevalentemente strumentale interamente suonato da Bigio.
Il musicista collaborò anche con artisti come Francesco De Gregori ed Edoardo De Angelis, e compare anche in un singolo del 1977 del gruppo Motouniversale (E la mia musica sale in cielo/Se mi vuoi se ti vuoi - Dany Records DR 1007).
Negli archivi Rai compare anche un suo album su etichetta Apollo (ZSLA-55142) del 1972.

BIGLIETTO PER L'INFERNO

BLACK BLOWING FLOWERS

Discografia:
LP - Human glow (CBS 69124 - 1975)
45 - Human glow/Uskudarra (CBS 3196 - 1975)

Gruppo misterioso, che produsse solamente un mediocre album commerciale. Sul disco suonavano Alberto Radius e Mario Lavezzi, entrambi già componenti de Il Volo e dal primo album di quel gruppo ripresero Il calore umano che, con un arramgiamento funky e il nuovo titolo Human glow, uscì anche su 45 giri.
Human glow uscì anche, in versione live, sulla compilation Concerto d'estate/Dal vivo alla Bussola (CBS 69150, anno 1975).

BLACK SOUND

Discografia:
45 - Smog/Chissà chi, chissà che (Bang Bang BG 024 - 1974)

Gruppo della zona di Treviso, che ha prodotto solamente un 45 giri con un buon brano sulla facciata A.
Il genere può ricordare quello di Fabio Celi & gli Infermieri, con un sound vagamente anni '60 e testi di protesta. La facciata B è un lento melodico.
Tra i componenti del gruppo, il bassista Bruno Schiavon, attualmente con la Turnover Country Band, e il chitarrista Silvio Rossi.

BLACK SPIRIT

THE BLACK STONES

Formazione:
Mario Scano (chitarra)
Gianni Veroni (chitarra)
Vincenzo Palla (tastiere)
Pierpaolo Scano (basso, voce)
Anselmo Masala (batteria)

Discografia:
45 - Risveglio/Mondo nuovo (Polimusic PL001 - 1971)

Gruppo di Cagliari, da non confondere con l'omonimo complesso beat autore del 45 giri Ho un quiz per voi (Discobolo DIS 52), i Black Stones incisero a Roma quest'unico singolo in stile rock anni '60, con organo e chitarra distorta in evidenza. Nel 1972 suonarono al Festival Pop di Villa Pamphili, con un repertorio che comprendeva altri brani originali (Sara e Jenni, mai registrate) e cover di Deep Purple, Grand Funk Railroad e Led Zeppelin.
Con continui cambi di formazione suonarono fino alla metà degli anni '80, per poi sciogliersi e riformarsi nel 1990.
Il leader del gruppo, Pierpaolo Scano, è morto nel 1998.

BLACK SUNDAY FLOWERS

Discografia:
45 - Hot rock/Madness (Bla Bla BBR 1308 - 1971)

Dietro questo nome si nascondeva Ghigo Agosti, celebre cantante degli anni '60 con una caratteristica voce, spesso censurato dalla RAI per i contenuti provocatori delle sue canzoni. 
Questo singolo di genere soul va citato perché pubblicato dalla Bla Bla ed inserito anche nella rara compilation Tarzan. La facciata A, Hot rock, era un rifacimento di un brano del 1965 dello stesso Ghigo, Non voglio pietà
Durante la sua carriera Ghigo ha usato anche altri pseudonimi, come Mister Anima, Rico Agosti, Probus Harlem.

BLIZZARD

BLOCCO MENTALE

BLUE GELATINE

Discografia:
45 - You turn me on/Blowing my life (Studio SM 7007 - 1973)

Simile alle sonorità degli Osage Tribe, questo 45 venne pubblicato dalla stessa etichetta dei Living Totem, e non è escluso che i musicisti siano gli stessi..

BLUE MORNING

Formazione:
Maurizio Giammarco (sax, flauto, tastiere)
Roberto Ciotti (chitarra)
Sandro Ponzoni (basso)
Alfredo Minotti (batteria)

Discografia:
LP - Blue morning (Tomorrow ZSTOM 2000 - 1973)

Più vicino al jazz che al rock, questo raro album fu l'unica produzione dei Blue Morning, un quartetto di Roma che comprendeva il chitarrista Roberto Ciotti, poi attivo come solista nel campo blues, ed il noto jazzista Maurizio Giammarco.  Un quinto musicista, il percussionista Alvise Sacchi, collaborò ad alcuni brani dell'LP oltre a disegnarne la caratteristica copertina.
L'album contiene cinque lunghi brani, con qualche influenza di gruppi come i Soft Machine, ed è probabilmente poco gradito agli appassionati di rock.

BLUE PHANTOM

BLUE SHARKS

Discografia:
45 - Chicago/Gipsy (Thuban Six CPI 7010 - 197?)
45 - Chicago/Toast and marmalade for tea (Gran Prix CPI 7010 - 197? - jukebox)
45 - Lady in black/And the day will be so kind (Thuban Six THS 16001 - 197?)
45 - Gipsy/Lady in black (Thuban Six THS 16001 - 197? - jukebox)
+ LP

Due singoli all'attivo (più altri due usciti probabilmente solo in edizione jukebox) per questo gruppo autore di cover di brani celebri suonati abbastanza bene, ed entrambi uscirono intorno al 1971.
Dei brani usciti su 45 giri And the day will be so kind è originale, mentre due sono le cover degli Uriah Heep e una di Graham Nash. Il genere è un hard prog, con buon uso dell'organo.
Esistono anche due LP strumentali a nome dei Blue Sharks, e si dice che dietro questo nome ci fosse il compositore Stelvio Cipriani, poiché molti brani sono firmati con il suo pseudonimo Ipcress. Gli album sono Funny walk (Leonardi L 20) e It became crystal (Leonardi SL 27), entrambi pubblicati nei primi anni '70.
È molto probabile che i Blue Sharks siano gli stessi musicisti che hanno registrato con il nome Dirty, perché le versioni di And the day will be so kind di questi due gruppi sono identiche.

THE BLUES RIGHT OFF

I BOOM

ANTONELLA BOTTAZZI

Discografia:
LP - Delicato a te (Spark SRLP 260 LG - 1972)
+ altri

Come l'album di Donatella Bardi citato sopra, anche questo è un disco di canzoni, ma più folk e meno rockeggiante, e va citato per la copertina dal disegno molto forte, opera di Gianni Sassi, nello stesso stile di Fetus di Battiato.
Questa cantautrice piemontese incise anche un secondo album nel 1979 con canzoni per bambini, e partecipò a diverse trasmissioni televisive e ad un Festival di Sanremo. È morta nel 1997.

LA BOTTEGA DELL'ARTE

Formazione:
Fernando Ciucci (voce, chitarra)
Piero Calabrese (tastiere, voce)
Romano Musumarra (tastiere, flauto, voce)
Masimo Calabrese (basso, voce)
Alberto Bartoli (batteria)

Discografia:
LP - La Bottega dell'arte (EMI 3C064-18106 - 1975)
LP - Dentro (EMI 3C064-18248 - 1977)
LP - L'avventura (EMI 3C064-18423 - 1979)
LP - Forza 4 (Sound NWLP1701 - 1984)
45 - Addio/Notturno per noi (Tomato ZZ999 - 1974)
+ molti altri singoli

Un gruppo di Roma, che qualche volta viene descritto come prog o soft-prog, ma che rientra molto più facilmente nel filone del pop commerciale.
Sul loro 45 giri d'esordio del 1974, Notturno per noi è un bel brano strumentale molto lungo di progressive con spunti classicheggianti, poi il loro primo LP del 1975, il più interessante per gli appassionati di progressive, che contiene alcune ottime parti strumentali anche se la maggior parte dei brani sono nel filone melodico, come la celebre Come due bambini, il loro maggior successo. Il resto della produzione è decisamente di genere pop melodico.
Il tastierista Musumarra ha fatto parte degli Automat.

LA BOTTEGA DEL FABBRO

Formazione:
Luciano Binotti (voce)
Tristano Giambelli (chitarra, voce)
Luciano Binatti (tastiere)
Tazio Minini (basso, voce)
Aleardo Tommasi (batteria, voce)

Discografia:
45 - Perché tu non vuoi/Solo con te (ALE 002 - 1973)

Il gruppo beat bresciano Luciano e i Baronetti si stabilizzò nella formazione a cinque con l'ingresso, nel 1970, del chitarrista diciassettenne Tristano Giambelli (proveniente dal gruppo Il Mondo d'Acquerello) al posto di Giacomo Fabbroni (che aveva a sua volta sostituito il primo chitarrista Sandro Cherubini). Il quintetto suonava moltissimo in Lombardia e in Emilia, spesso insieme a grossi nomi come Nomadi, Pooh, Nuovi Angeli e con un repertorio di successi italiani ed internazionali, che si allargò lentamente a comprendere brani più impegnativi dei nuovi gruppi inglesi come Curved Air, King Crimson e Uriah Heep. Il nuovo nome La Bottega del Fabbro venne scelto alla fine del 1971.
Il loro unico 45 giri venne registrato nel 1972 dalla prima formazione del gruppo, che subì poi un cambiamento con l'ingresso del nuovo tastierista Maurizio Manenti. Uscito l'anno successivo, questo bel singolo ha un ottimo uso di organo e chitarra ed un genere che ricorda la musica tra la fine degli anni 60 e i primi anni 70.
In questo periodo alle cover di altri gruppi venne affiancato molto materiale originale, strutturato in lunghe suite e che diede vita ad uno spettacolo teatrale denominato Le ombre cinesi.
Nel 1973 il cantante originale Luciano Binotti fu sostituito da Danilo Rigosa e con questa formazione il gruppo continuò la sua intensa attività live suonando spesso con il Rovescio della Medaglia, i Trip, Brian Auger e in vari festival dell'epoca (i due raduni Davoli di Reggio Emilia nel 1972-73, il Be-In di Napoli e il Meeting della Musica Pop di Castiglione delle Stiviere, il Viterbo Pop Festival).
L'impegno sempre crescente e alcuni infruttuosi contatti per un contratto discografico portarono all'uscita di Minini e Tommasi verso la fine del 1973, sostituiti dal bassista Giorgio Moser e dal batterista Roberto Benedini, entrambi provenienti dal gruppo JB Club.
Il gruppo continuò a suonare nei primi mesi del 1974 con un nuovo chitarrista, Vincenzo Gardoni, per poi sciogliersi.
Alcuni componenti dell'ultima formazione (Manenti, Rigosa e Benedini) entrarono nel gruppo di Marcella Bella, con cui anche Tristano Giambelli suonò per un breve periodo. Roberto Benedini ha poi suonato con gli Ash.

LA BOTTEGA DELLE VERITA'

Discografia:
45 - Un paese senza nome/Cosa sono io per te (RiFi RFN-NP 16632 - 1976)
45 - Umanità/A modo suo (RiFi RFN-NP 16710 - 1977)

La Bottega delle Verità, da Verona, pubblicò due singoli per la RiFi di genere commerciale, e solo Umanità dal secondo 45 giri contiene qualche elemento progressivo. Il cantante Paolo Tosi ha continuato per anni la carriera musicale.

THE BRAEN'S MACHINE

Discografia:
LP - Underground (Liuto LRS 0044 - 1971)
LP - Temi ritmici e dinamici (Liuto LRS 0055 - 1973)

LP - Underground (Schema SCEB 913 LP - 2014 - ristampa dell'album del 1971, contiene anche la versione CD)
CD - Underground (Schema SCEB 913 CD - 2014 - ristampa dell'album del 1971)

Misterioso gruppo di studio, i cui album per l'etichetta Liuto, di proprietà del compositore Piero Umiliani, sono ricercatissimi e raggiungono cifre notevoli. 
Il genere è simile a quello di altri gruppi-fantasma dello stesso periodo, musica strumentale adatta a colonne sonore, con preponderanza di chitarra distorta e tastiere, ma una maggior prevalenza di atmosfere psichedeliche. 
È certo che dietro il nome Braen's Machine si sia nascosto Alessandro Alessandroni, autore dei vari brani con lo pseudonimo Braen, che appare anche come compositore nei due singoli dei Pawnshop. L'altro nome indicato come compositore, Gisteri, era utilizzato da Rino De Filippi, che con il nome Complesso Gisteri, realizzò nel 1972 un raro album di sonorizzazioni intitolato Mostra collettiva (Edimerc EC/00110) oltre a vari altri dischi nello stesso genere.
Entrambi i dischi originali sono molto rari e ricercati, specialmente Underground, che è stato ristampato per la prima volta nel 2014 sia in vinile che in CD.
Un altro disco di gran valore, comprendente brani di Alessandroni (Braen) insieme ad altri di Giuliano Sorgini (Raskovich), intitolato Quarta pagina e uscito nel 1971 per la Usignolo, è stato ristampato nel 2015 dalla Schema (SCEB 920) in versione LP+CD.
Alessandroni, chitarrista, compositore e autore tra l'altro di moltissime colonne sonore, è scomparso nel 2017.

BRAINTICKET

Discografia (edizioni italiane):
LP - Cottonwoodhill (Hallelujah X 606 - 1971)
LP -  Psychonaut (Durium 30-219 - 1972)
LP - Celestial ocean (RCA DLISP 34158 - 1973)
+ altri dischi non usciti in Italia

Formato dal musicista di origine belga Joel Vandroogenbroeck, questo gruppo fu in realtà una "multinazionale", con componenti di varie nazioni.
Per alcuni anni si stabilirono in Italia, dove vennero registrati il secondo album Psychonaut (con una bella copertina di Umberto Santucci dei Living Music) e il terzo, Celestial Ocean. Un brano da quest'ultimo disco venne anche incluso nella compilation Free dimension.
Vandroogenbroeck ha collaborato anche con alcuni artisti italiani negli anni 1972-73 suonando anche sul primo album di Riccardo Cocciante, Mu.
I Brainticket hanno continuato a suonare negli anni successivi, con altri dischi realizzati dopo il 1980.

ANGELO BRANDUARDI

BRAVO REVERENDO REEBMAN

Formazione:
Antonio De Laurentis (chitarra)
Roberto Ciccone (flauto)
Nino Marulli (fagotto)
Mauro Liberatore (tastiere, voce)
Enrico Sconci (basso)
Enrico "Jeff" Gianforte (batteria)

Gruppo di L'Aquila, che suonò in alcuni festival nel 1972-73, ricevendo diverse offerte per un contratto discografico, ma senza purtroppo decidersi ad intraprendere una carriera musicale professionale.
Il batterista originale Gianforte fu poi sostituito da Giancarlo Canelli, e il gruppo si sciolse nel 1974.

SANDRO BRUGNOLINI

Discografia:
LP - Underground (Record TV RT 104 - 1970)
LP - Overground (Sincro SEM 1001 - 1970)

LP - Underground (Record TV RT 16 - 1970 - seconda edizione del precedente - sul lato B composizioni di Franco Goldani)
LP - Overground (Cinedelic CNPL 801 - 2008 - ristampa del secondo album)
LP - Underground (Sonor SME3 - 2014 - contiene tutti i brani usciti nei due LP Underground del 1970)
CD - Overground (AMS 157CD- 2009 - come sopra)

Bel disco strumentale sulla falsariga di Blue Phantom e Psycheground Group, Overground era stato registrato al Dirmaphon Studio (Roma) nel marzo 1970 insieme al precedente Underground.
Brugnolini compose i brani insieme a Luigi Malatesta, mentre tra i musicisti presenti sul disco erano Silvano Chimenti (chitarra), Giorgio Carnini (piano e organo) ed il futuro bassista del Perigeo Giovanni Tommaso.
L'LP è stato finalmente ristampato in vinile dalla Cinedelic nel 2008 e su CD dalla AMS nel 2009, entrambe le edizioni in tiratura limitata di 500 copie.
Del primo album Underground esistono due versioni, entrambe rarissime, con copertine e brani diversi; la seconda, uscita dopo la realizzazione di Overground, contiene quattro brani di Brugnolini sul lato A (uno solo dei quali già uscito nella prima edizione) e cinque composizioni di Franco Goldani sul lato B. L'LP del 2014, anch'esso intitolato Underground, uscito in 500 copie e con copertina diversa dai precedenti, raccoglie gli 11 brani che erano usciti nelle due edizioni del 1970.
Oltre a questi, Brugnolini ha realizzato altri dischi, sempre nell'ambito delle sonorizzazioni musicali.

FRANCESCO BUCCHERI

BULLDOG

Formazione:
Giorgio Bertolani (voce)
Mauro Falzoni (chitarra)
Celso Valli (tastiere)
Paride Sforza (sax, clarino)
Alan Taylor (basso, voce)
Roberto Poli (batteria)

Discografia:
LP - Doggy doggy (Blue Jean JBLP 701 - 1975)
LP - Explosive Bulldog (Blue Jean JBLP 702 - 1976)
LP - Bulldog hits (Spark RGLP 4002 - 1978)
45 - Doggy doggy/Where did she go (Blue Jean BJ 601 - 1975)
45 - Black Emanuelle/Robin Hood (Blue Jean BJ 602 - 1975)
45 - Candida/In my dreams (Blue Jean BJ 604 - 1976)
45 - A man before your time/Jennifer (Blue Jean BJ 606 - 1976)
45 - Chicken every day/La porta dell'estate (Blue Jean BJ 609 - 1977)
45 - Que sera sera/Morning sun (Blue Jean BJ 615 - 1978)
45 EP - Children's discotheque (Doggy doggy/ Robin Hood/Chicken every day/Geronimo) (Orange RG 505 - 1978)

Comprendendo la maggior parte dei componenti dei Ping Pong, questo gruppo ha seguito la loro abitudine di alternare con disinvoltura brani di rock e di pop commerciale. I Bulldog hanno pubblicato tre LP e molti singoli, perlopiù colonne sonore, intorno alla metà degli anni 70.

BUON VECCHIO CHARLIE

 

 

Grazie a Giuliano Semprucci, Claudio Checchi, Antonio Rosetti, Valerio D'Angelo, Matthias Scheller, Giampiero Colombo, Claudio Pescetelli, Giacomo Serreli, Tristano Giambelli, Ubaldo (Franco) Cibei, Domenico Vinci, Fabio Meini, Dino Bandini, per alcune foto ed informazioni di questa pagina.
Alcune informazioni qui contenute sono tratte dal libro di Franco Brizi, Volo Magico.

 

 

Elenchi alfabetici degli artisti
A  B  C  D  E  F  G  HIJK  L  M  N  O  P  QR  S  T  UV  WXYZ